bonus rottamazione tv

Bonus rottamazione tv: chi può riceverlo e come ottenerlo. Le informazioni utili.

A giugno 2022 ci sarà il passaggio al nuovo standard di trasmissione del digitale terrestre. I primi cambiamenti, tuttavia, inizieranno già a settembre 2021. I televisori che non sono recenti non saranno in grado di captare il nuovo segnale. Sarà necessario acquistare un decoder oppure cambiare direttamente televisore.

Per aiutare i cittadini a basso reddito nell’acquisto di un nuovo televisore, nel 2019 era stato introdotto un bonus tv di 50 euro riservato a chi aveva un reddito ISEE non superiore a 20.000 euro.

Ora, il governo ha varato un nuovo bonus, per la rottamazione della vecchia tv. La novità è che in questo caso non ci sono limiti ISEE. Il bonus dunque è per tutti. Ecco chi ne ha diritto, a quanto ammonta e come ottenerlo.

LEGGI ANCHE: GUARDARE SKY SU PIÙ TV IN CASA, COME FARE I CONSIGLI PRATICI

Bonus rottamazione tv: chi può riceverlo e come ottenerlo

bonus rottamazione tv

Arriva un nuovo bonus per la rottamazione della vecchia tv e l’acquisto di una nuova compatibile con il nuovo standard di trasmissione del digitale terrestre, che sarà introdotto gradualmente in Italia dal prossimo settembre e in via definitiva a giugno 2022.

Il bonus rottamazione prevede un contributo massimo di 100 euro. Gli aventi diritto potranno ottenere uno sconto del 20% sul prezzo di acquisto della nuova televisione, fino a un massimo di 100 euro.

Il vantaggio del nuovo bonus, che allargherà la platea degli aventi diritto, è che in questo caso non sono previsti limiti di reddito ISEE. Comunque, il vecchio bonus resta in vigore e chi ha tutti i requisiti previsti, per il vecchio e il nuovo, può cumularli.

Condizioni per ricevere il bonus

  • la residenza in Italia del richiedente;
  • essere in regola con il pagamento del canone della tv;
  • la tv da rottamare deve essere stata acquistata prima del 22 dicembre 2018;
  • il bonus può essere richiesto da tutte le famiglie senza limiti di reddito ISEE;
  • ciascuna famiglia potrà richiedere un solo bonus;
  • il bonus sarà disponibile fino al 31 dicembre 2022, comunque fino ad esaurimento del fondo di 250 milioni di euro per finanziarlo.

Come ottenere il bonus

  • al momento dell’acquisto della nuova tv si consegna al rivenditore quella vecchia;
  • si smaltisce la tv in una discarica autorizzata e si presenta il modulo al venditore per avere lo sconto sulla nuova.

Con il bonus rottamazione tv il governo nuove agevolare la sostituzione dei televisori che non saranno più compatibili con il nuovo standard di trasmissione del digitale terrestre del DVB-T2/HEVC. In Italia sono circa 9 milioni gli apparecchi non compatibili.

Passaggio al nuovo standard televisivo

Il passaggio al nuovo standard del digitale terrestre DVB-T2/HEVC sarà nel 2022, ma già da settembre 2021, quindi tra pochissimo, ci saranno i primi cambiamenti di codifica e frequenza dei canali tv. Ecco le tappe del passaggio, spiegate da Altroconsumo.

  • 1° settembre 2021: abbandono della codifica MPEG2 per la MPEG4 (riguarderà le tv più vecchie che non visualizzano i canali HD e avranno problemi).
  • Settembre 2021 – giugno 2022: risintonizzazione dei canali tv.
  • Giugno 2022: passaggio al DVB-T2 e al HEVC. Le televisioni che non supportano questi protocolli non riusciranno a ricevere il segnale.

Per scoprire se la nostra tv è compatibile con i nuovi standard dobbiamo andare sui canali di test 100 e 200. Se compare la scritta “Test HEVC Main10” significa che la nostra tv è compatibile e non dovremo cambiarla né servirà il decoder.

Se i canali 100 e 200 non si raggiungono o sono occupati ad un’altra emittente, dovremo spostarla su un altro canale e in ogni caso sintonizzare la nostra tv. Invece, se sui canali di test compare uno schermo nero significa che la nostra tv non è compatibile con il nuovo standard.

LEGGI ANCHE: FILM DELLA MARVEL, I CONSIGLI DI VISIONE SECONDO L’ORDINE DELLE STORIE

bonus rottamazione tv