innaffiare piante vacanza

Innaffiare le piante quando si è in vacanza: ecco come fare. I consigli utili.

Gli amanti delle piante hanno sempre qualche pensiero in più quando devono lasciare la casa per qualche giorno e quando devono partire per le vacanze. Le piante, infatti, vanno curate con regolarità e in estate vanno innaffiate tutti i giorni. Lasciare la casa, anche per pochi giorni, può essere un problema.

Chi ha un impianto di irrigazione automatico, in giardino o nel balcone di casa, non deve preoccuparsi di nulla. Deve solo impostare il timer con l’orario di accensione e l’impianto farà tutto da solo. Altri hanno familiari, amici o vicini di casa generosi che andranno a prendersi cura delle piante e a innaffiarle in assenza dei padroni di casa.

In mancanza di queste possibilità, vi diamo noi qualche suggerimento pratico su come risolvere questo problema.

LEGGI ANCHE: IMPIANTO DI IRRIGAZIONE DA BALCONE, COME REALIZZARLO

Innaffiare le piante quando si è in vacanza: come fare

innaffiare piante vacanza

Se state per partire per le vacanze ma non sapete come fare per innaffiare le piante di casa, esistono alcune soluzioni molto pratiche che vi aiuteranno.

Per prima cosa, le piante sul balcone non vanno lasciate alla luce diretta del sole ma nemmeno in angoli bui. L’ideale sarebbe un punto in penombra o ombreggiato ma abbastanza luminoso. Le piante che tenete in casa, invece, non lasciatele all’interno e al buio, ma esponetele sul balcone, a prendere l’aria, e l’umidità della notte, sempre in un luogo in penombra.

Lasciate dell’acqua nei sottovasi se la vostra assenza sarà breve, dovrebbe bastare. Molto utile è anche collocare vicino ai vasi delle piante alcuni recipienti pieni d’acqua, che evaporando bagneranno le piante. Se poi le mettete tutte vicine si formerà una specie di microclima umido che darà alle vostre piante la sufficiente quantità d’acqua. Anche questa soluzione è per periodi non troppo lunghi di assenza.

Soluzioni pratiche

Un altro modo molto pratico per mantenere la quantità adeguata di acqua per le vostre piante è usare delle bottiglie di plastica a testa in giù, collocate direttamente nei vasi. Le bottiglie vanno riempite d’acqua, chiuse con un tappo dove avrete fatto dei forellini e infilate nel terriccio dei vasi dalla parte del tappo. In questo modo l’acqua verrà rilasciata gradualmente durante i giorni della vostra assenza. Invece dei tappi potete acquistare dei beccucci appositi, che faranno gocciolare l’acqua in modo più graduale nel terriccio.

Infine, un’altra soluzione per dare acqua alle piante quando siete in vacanza è quella di usare l’acqua complessata. Si tratta di gel o palline morbide che contengono acqua, da infilare nel terriccio delle piante. I microrganismi scioglieranno la cellulosa del gel o delle palline, rilasciando l’acqua nel terreno. Questa soluzione è per tempi più lunghi, anche fino a 20 giorni. La durata dipenderà dalla quantità di acqua complessata e dalla grandezza del vaso.

LEGGI ANCHE: IMPIANTO DI IRRIGAZIONE DEL GIARDINO, I CONSIGLI PER REALIZZARLO

innaffiare piante vacanza