Tennis da tavolo: le regole del gioco

Il tennis tavolo è uno sport oramai sempre pù diffuso. Scopriamo insieme quali sono le regole del gioco.

Il tennis da tavolo è più conosciuto con il nome di ping pong. Non si tratta di una mera attività ricreativa ma piuttosto di uno sport vero e proprio divenuto disciplina olimpica e a cui vengono dedicati tornei internazionali.

Scopriamo insieme quali sono le regole del gioco.

Come giocare a tennis da tavolo

Per giocare a tennis da tavolo occorre appunto un tavolo, solido e liscio, la cui lunghezza si aggira intorno i 2 metri e mezzo mentre la larghezza intorno al metro e mezzo.

La superficie deve essere rigorosamente antiriflesso per evitare che durante il gioco si venga disturbati dal riflesso della luce solare, rendendo difficoltosa la visuale della pallina e del campo di gioco.

Il tavolo presenta delle linee che dividono il campo in due parti e indicano i lati dei servizi durante le partite.

Per quanto riguarda, invece la rete presenta circa 15 cm di altezza ed è posta perfettamente alla stessa distanza rispetto ai lati del tavolo.

Tennis da tavolo: le regole del gioco

La palla utilizzata in questo sport prende il nome di bola ed è composta, in genere, da celluloide o plastica. Il peso si aggira intorno al 3 grammi.

La racchetta può presentare formi e dimensioni più disparate ed è realizzata prevalentemente in legno naturale mescolato con materiali fibre di carbonio, fibre di vetro o cartone.

Per quanto riguarda le regole del gioco, per prima cosa ha inizio con il servizio. Questo deve avvenire con la palla a terra che deve ricadere sul lato opposto dell’avversario.

Nel momento in cui la palla finisce contro la rete e finisce nel campo dell’avversario, viene considerato nullo e quindi non viene contato alcun punto.

Ogni incontro prevede sette partite che sono vinte al raggiungimento di 11 punti. Il vincitore è colui che si aggiudica 4 partite prima dell’avversario.

Tennis da tavolo: le regole del gioco