Mastopatia fibrocistica: cos'è, come si diagnostica e quali sono le cure

 La mastopatia fibrocistica è una patologia benigna a carico della mammella. Scopriamo di cosa si tratta, quali sintomi comporta e come prevenirla.

La mastopatia fibrocistica è una patologia di tipo benigno che colpisce la mammella e può causare una serie di sintomi.

In altre parole, si tratta di una condizione che non rappresenta particolari rischi per la salute ma che tuttavia, in alcuni casi, può generare sintomi piuttosto fastidiosi che richiedono l’intervento con farmaci o ambulatoriale.

L’importante è una diagnosi tempestiva e precisa per poter agire in base alla gravità del problema. Scopriamo insieme quali sono i sintomi, le cause e le cure più efficaci.

Mastopatia fibrocistica: sintomi e cure

Tra i sintomi più diffusi causata dalla patologia in esame, e che riguardano l’area del seno, ci sono:

  • ipersensibilità;
  • pesantezza;
  • fastidio;
  • cisti;
  • ingrandimento dei noduli.

Questa patologia è si collega all’attività dell’ovaio, di conseguenza, dopo la menopausa tende a scomparire. Ovviamente, è favorita anche da una certa predisposizione genetica della ghiandola.

Ad ogni modo, per essere diagnosticata, la patologia in esame richiede la palpazione, da parte del ginecologo, del seno. In base all’esito, il successivo iter prevede:

  • mammografia;
  • ecografia mammaria;
  • biopsia.

Dal punto di vista farmacologico, in genere, non si adotta nessuna terapia in particolare, tuttavia, per lenire il dolore che può insorgere, soprattutto durante il ciclo mestruale, è prescritta l’assunzione di FANS.

Mastopatia fibrocistica: cos'è, come si diagnostica e quali sono le cure

Quando i noduli fibrocistici diventano troppo fastidiosi, il liquido presente può essere rimosso attraverso un intervento chirurgico.

Dal punto di vista dell’alimentazione, alcuni studi hanno evidenziato che un eccessivo consumo di cioccolato predispone a questa patologia a causa della presenza delle metilxantine. Quest’ultime sono sostanze associate all’insorgere di noduli benigni alle mammelle.

È quindi prudente limitare il consumo di cioccolato come di tutti i grassi, saturi e idrogenati. Questi, infatti, possono comportare un peggioramento dei sintomi tipici della patologia.

Mastopatia fibrocistica: cos'è, come si diagnostica e quali sono le cure