Scacchi: le regole per cominciare a giocare

Gli scacchi sono un gioco molto amato. Scopriamo quali sono le regole per cominciare a giocare.

Quello degli scacchi è un gioco che mantiene la mente sveglia, un vero e proprio allenamento che aumenta le attività cerebrali, stimolando la memoria.

Secondo molte ricerche, il gioco in esame è in grado di aumentare le capacità cognitive, migliorando anche la concentrazione. Ecco quali sono le regole per cominciare a giocare.

Quali sono le regole degli scacchi

Scacchi: le regole per cominciare a giocare

Il gioco prevede 2 giocatori che dispongono ognuno di 16 pezzi:

  • 8 pedoni;
  • 2 torri;
  • 2 alfieri;
  • 2 cavalli;
  • il re e la regina.

Gli scacchi presentano poche regole che, tuttavia, vanno assimilate giocando più volte per migliorare e vincere la partita.

Leggi anche: NOMI COSE CITTA’: QUALI SONO LE REGOLE DEL GIOCO?

A tal proposito, al pedone è consentito muoversi una casella alla volta e non può mai spostarsi all’indietro. Non solo, può catturare gli avversari solo in diagonale una volta raggiunta l’ultima casella, precisamente l’ottava traversa, può essere sostituito con un pezzo a scelta purché di uguale colore.

Il cavallo, invece, può muoversi formando una L, potendo anche saltare gli avversarsi che si trovano sul suo cammino.

Per quanto riguarda l’alfiere, questo può essere mosso diagonalmente purché la casella dove si vuol posizionarlo sia libera e non occupata da un proprio pezzo.

Alla torre, è consesso di muoversi verticalmente e orizzontalmente. È l’unico pezzo, insieme al re, a poter eseguire l’arrocco, mossa che consente lo spostamento simultaneo di due pezzi.

Veniamo ora alla regina. Questa può spostarsi in varie posizioni tra cui:

  • verticalmente;
  • orizzontalmente;
  • diagonalmente.

Ovviamente, anche in questo caso, bisogna sempre tenere conto delle posizioni disponibili.

Infine, c’è il re, il pezzo più importante. Questo può essere mosso una casella alla volta, in qualsiasi direzione. Al re, inoltre, è concesso di catturare pezzi avversari muovendosi sulla casa occupata da questi ultimi e come detto poc’anzi l’arrocco. Quando non è più possibile muoverlo e, quindi, difenderlo dagli attacchi avversare, si verifica lo scacco matto.

Leggi anche: COME SI GIOCA A MONOPOLY: TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE

Chi esegue questa mossa si aggiudica la partita e, quindi, la vittoria.

Scacchi: le regole per cominciare a giocare