Dieta del minestrone: i pro e i contro
Dieta del minestrone: i pro e i contro

Tutti hanno sentito parlare della dieta del minestrone ma pochi conoscono i benefici e le controindicazioni di questo regime. Vediamo insieme i pro e i contro.

Il minestrone è l’elemento chiave di una dieta nata in America ad opera di un chirurgo cardiologo, per consentire alle persone obese di sottoporsi ad operazioni al cuore. Dalla sala operatoria si è poi diffusa in tutto il mondo.

Una dieta che promette di far perdere velocemente dai 5 agli 8 chili, a seconda della durata e, naturalmente, della persona.

Cerchiamo di capirne di più.

LEGGI ANCHE: DIETA DI KEMPNER A BASE DI RISO E FRUTTA: IL REGIME CHE DISINTOSSICA

Dieta del minestrone: come funziona

dieta del minestrone: che cos'è
Dieta del minestrone: che cos’è

Si tratta di un regime dietetico ipocalorico che prevede come piatto principale, a pranzo e a cena, un minestrone di verdure.

Può durare due cicli, e quindi dai 7 ai 14 giorni, ma mai oltre.

Il minestrone deve avere determinati ingredienti (vanno benissimo pomodori, porri, cipolle, sedano, spinaci, verza, zucchine, ecc.) e non prevede, almeno inizialmente, cereali, legumi e patate.

Al minestrone si aggiungono come alimenti quotidiani:

  • frutta fresca o succhi non zuccherati (evitando uva e fichi, e introducendo le banane solo dal quarto giorno)
  • thè e caffè
  • yogurt o latte magro (a partire dal quarto giorno)
  • proteine (a partire dal quinto giorno)
  • carboidrati (a partire dal sesto giorno).

Come condimenti sono consentiti:

  • limone
  • poco olio
  • poco sale.

LEGGI ANCHE: COME SOSTITUIRE IL SALE NELLA DIETA: I TRUCCHI PER INSAPORIRE I CIBI

I pro della dieta del minestrone

[caption id="attachment_6859" align="alignnone" width="740"]Dieta del minestrone: i pro Dieta del minestrone: i pro[/caption]

Sicuramente la perdita di peso veloce rappresenta il punto di forza di questa dieta. A seconda infatti della durata, si possono perdere:

  • 5 kg in 7 giorni
  • fino a 8 kg in 14 giorni

Un altro vantaggio è quello di non richiedere una grande fantasia e un grande impegno: il menù è fisso, monopiatto e non richiede grandi preparazioni.

Circa l’aspetto nutrizionale è senz’altro una dieta ricca di sali minerali, che vengono disciolti nell’acqua di cottura del minestrone, poi consumata.

E prevede anche un buon apporto di fibre.

La dieta è da associare a una leggera attività motoria, come passeggiate, corse leggere, bicicletta ecc..

Inoltre occorre bere da 1,5 a 2 litri di acqua al giorno per disintossicare l’organismo.

I contro però sono di più

Dopo aver visto i vantaggi di questa dieta analizziamo gli svantaggi.

Il primo riguarda la perdita di peso, che è soprattutto di liquidi e muscoli e meno di grassi.

Altri aspetti negativi riguardano invece la scarsità di:

  • proteine
  • grassi
  • vitamine (perché annullate con il calore di cottura).

Ciò determina un basso senso di sazietà e frequenti morsi della fame, con ricadute sull’umore.

In conclusione non è un regime equilibrato e non è consigliabile a diabetici e a chi soffre di problemi ai reni.

In ogni caso è sempre bene sentire il parere di medici o nutrizionisti prima di iniziarla, i quali molto probabilmente prevederanno in caso l’assuzione di specifici integratori alimentari.

[caption id="attachment_6860" align="alignnone" width="740"]Dieta Minestrone: ingredienti Dieta Minestrone: ingredienti[/caption]