prosciutto crudo consumo
Prosciutto crudo: proprietà e regole di consumo

Prosciutto crudo: proprietà e regole di consumo. I segreti di un alimento bistrattato.

Il consumo di prosciutto crudo è stato a lungo additato come dannoso per la salute. Sicuramente questo alimento ricco di grassi saturi e molto salato va mangiato con moderazione ma non è da condannare senza appello.

LEGGI ANCHE: VINO SÌ O VINO NO? LA RISPOSTA DELLA SCIENZA SU BENEFICI E QUANTITÀ

[caption id="attachment_6246" align="alignnone" width="740"]prosciutto crudo consumo Come consumare il prosciutto crudo (Foto di Luis Fernando Talavera da Pixabay)[/caption]

Prosciutto crudo: proprietà e regole di consumo

Il prosciutto crudo è un salume crudo e stagionato, composto dalla coscia del maiale. Ha la cotenna esterna, che ne mantiene la conservazione, e l’osso della coscia. La conservazione è mantenuta anche dal grasso, lo strutto, che lo ricopre nelle parti di taglio. La coscia di maiale diventa prosciutto per effetto dei processi della salatura e stagionatura.

Impariamo a conoscere le sue proprietà nutrizionali e i consigli su come, quando e quando consumarlo. Ecco tutto quello che bisogna sapere.

Le calorie e il contenuto di sale variano a seconda del tipo di prosciutto. Quello comune può avere fino a 300 calorie per 100 grammi, mentre quello più magro può averne circa la metà, 150 calorie per 100 grammi. Elevato invece è il contenuto di sodio, circa 6 grammi o anche di più.

Riguardo ai rischi per la salute, le carni rosse lavorate, come insaccati e salumi, sono state segnalate come sicuramente cancerogene, secondo la classe 1 della classificazione IARC (International Agency for Research on Cancer), agenzia dell’Organizzazione mondiale della sanità che valuta la cancerogenicità delle sostanze.

Il prosciutto cotto contiene additivi come nitriti e i nitrati (E240-E259) che possono essere rischiosi per la salute. In particolare, i nitriti possono unirsi alle ammine (composti organici presenti nella carne e nei salumi), producendo le nitrosamine, sostanze cancerogene. Una assunzione elevata di queste sostanze può favorire l’insorgenza di tumore allo stomaco.

Detto questo, però il consumo di prosciutto non va demonizzato in assoluto. Bisogna fare attenzione e mangiarlo con moderazione ma non eliminarlo del tutto.

Prima di tutto va detto che, nonostante l’elevato contenuto calorico, il sale e i rischi della carne rossa, il prosciutto crudo non ha elevate quantità di colesterolo e ha un buon apporto di grassi monoinsaturi. Per un consumo più salutare basta scegliere quello magro.

Tra le proprietà nutrizionali del prosciutto crudo, segnaliamo il buon contenuto di vitamine del gruppo B, di vitamina D e poi di sali minerali come calcio, fosforo, ferro, potassio e zinco.

Il segreto è sempre quello di consumarlo in quantità moderate. Con l’arrivo dell’estate, si sposa perfettamente a verdure fresche, che attenueranno il sapore salato e bilanceranno il contenuto di sodio con un adeguato apporto di acqua.

LEGGI ANCHE: CARDIOPATIE: COME PREVENIRLE E CURARLE IN MANIERA EFFICACE

[caption id="attachment_6245" align="alignnone" width="740"]prosciutto crudo consumo Prosciutto crudo: le regole di consumo (Foto di Marta Tapias Merino da Pixabay)[/caption]