olio extravergine oliva
Olio extravergine di oliva: proprietà e caratteristiche

Olio extravergine di oliva: proprietà e caratteristiche. Cosa bisogna sapere.

Sulle tavole degli italiani l’olio extravergine d’oliva è un prodotto fondamentale. Usato per il condimento dei cibi freschi e nelle cotture di alimenti, oltre che in numerose ricette, da diversi anni è un prodotto che viene utilizzato ampiamente anche per i trattamenti di bellezza.

L’olio extravergine è ottenuto dall’estrazione con soli metodi meccanici, come l’olio vergine di oliva ma si distingue da quest’ultimo per il livello di acidità. Infatti può chiamarsi olio extravergine di oliva solo quello con un’acidità inferiore o pari allo 0,8% Mentre quello che è solo vergine può avere un’acidità inferiore o pari al 2%.

Inoltre, l’olio extravergine deve avere delle proprietà organolettiche specifiche che vanno all’aroma fruttato al gusto amarognolo, insieme ad altre caratteristiche chimiche che vengono verificate dagli organi di controllo.

LEGGI ANCHE: MACCHIE DI OLIO SUI VESTITI, I RIMEDI DELLA NONNA

olio extravergine oliva
Le proprietà dell’extravergine di oliva (Foto di Steve Buissinne da Pixabay)

Olio extravergine di oliva: proprietà e caratteristiche

L’olio extravergine di oliva è composto al 99% da grassi, lipidi, in prevalenza trigliceridi. Gli acidi grassi presenti nei trigliceridi dell’extravergine di oliva sono: al 70-80% acido oleico (moninsaturo), al 10% acido linoleico (polinsaturo) e acido α-linolenico (polinsaturo), al 7-15% acido palmitico (saturo) e al 1,5%-1,5% acido stearico (saturo).

L’alto contenuto di grassi insaturi fa dell’olio d’oliva un prodotto ottimo per la salute, ricco di antiossidanti.

La sua componente chimica è formata in piccola parte, circa 2-5%, anche da sostanze dette “insaponificabili“, che non subiscono alterazioni dall’azione di alcali concentrati. Queste sostanze sono: alcoli triterpenici, steroli, polifenoli e tocoferoli, vitamine liposolubili e carotene. Tra le sostanze “saponificabili” sono presenti: fosfolipidi e clorofille.

L’olio d’oliva è un ottimo sostituto dei grassi saturi di origine animale, contenuti nei latticini e nella carne. Grazie all’apporto equilibrato di grassi è un ottimo condimento da usare nelle diete ipocaloriche, soprattutto crudo.

È indicato nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, Grazie agli grassi monoinsaturi, infatti, riduce il rischio di infarto, ictus e di trombosi. Aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo.

L’extravergine è un alimento ad alta digeribilità e favorisce il transito intestinale, aiutando a combattere la stipsi. Grazie alle sue proprietà antiossidanti e al contenuto di vitamina E aiuta a combattere i radicali liberi e l’invecchiamento della pelle. Non a caso è molto utilizzato in cosmetica.

Una diversa composizione di trigliceridi può fare sì che un tipo di olio d’oliva congeli più facilmente con il freddo, a differenza di un altro tipo di olio. Anche un più alto contenuto di cera, presente normalmente nelle olive, può portare alla cristallizzazione di quegli oli meno filtrati. Una volta portato a temperatura ambiente, comunque, i cristalli si sciolgono.

LEGGI ANCHE: COME SI FA UN IMPACCO DI OLIO SUI CAPELLI PER AVERLI MORBIDI E LUCENTI

[caption id="attachment_6263" align="alignnone" width="740"]olio extravergine oliva Olio extravergine di oliva (Foto di congerdesign da Pixabay)[/caption]