scegliere playlist perfetta
Come scegliere la playlist perfetta per ogni occasione (Foto di bruce mars su Unsplash)

Come scegliere la playlist perfetta per ogni occasione: i consigli utili.

Oggi disponiamo di numerosi servizi online, strumenti multimediali e applicazioni per ordinare la nostra musica preferita come meglio desideriamo. La scelta di servizi musicali in streaming e di brani o album da scaricare nel computer, nel telefono o nel lettore mp3 è talmente vasta che tutti questi contenuti hanno bisogno di essere tenuti in ordine, per non perderli negli archivi o in qualche cartella nascosta.

Se siete dei perfezionisti, sicuramente avrete già le vostre canzoni e i vostri album ben archiviati, sui vostri dispositivi elettronici o negli account online di streaming, e facilmente reperibili. Grazie a tag ed elenchi saranno già divisi per artista, per genere, stile o tema.

Una funzione molto utilizzata è quella delle playlist, con cui potete creare delle raccolte di brani musicali in base a un genere o stile musicale, all’autore, all’anno di uscita dei brani, alla classifica di un dato periodo o a un tema di base a cui associare le canzoni scelte.

Le playlist vi permettono di avere la vostra musica preferita subito disponibile, senza dover andare a cercare i singoli i brani, che potete mescolare insieme a seconda del vostro gusto o di quello che vi ispira. Potete osare accostamenti bizzarri oppure selezionare la musica a seconda del momento o dell’occasione in cui decidete di ascoltarla. Voi sapete costruire una playlist? Qui di seguito vi diamo qualche consiglio.

LEGGI ANCHE: VIDEOCONFERENZA, COME ESSERE IMPECCABILI SULLO SCHERMO

scegliere playlist perfetta
La playlist perfetta per ogni occasione (Foto di Mert Kahveci su Unsplash)

Come scegliere la playlist perfetta per ogni occasione

I servizi di streaming musicale online offrono una scelta vastissima, all’interno della quale è facilissimo perdersi. Decine di migliaia di brani di cui ci si scorda facilmente l’esistenza. Questi servizi richiedono un abbonamento mensile o in parte sono gratuiti, purché si sia disposti ad essere interrotti ogni due o tre brani dalla pubblicità (come Spotify). Poi ci sono quelli che invece vendono canzoni, e album, da scaricare sul proprio dispositivo. Per non parlare dei podcast o degli audiolibri, che tuttavia meritano una considerazione a parte.

Una volta scelto il vostro servizio streaming o aver scaricato la vostra musica preferita o ancora caricato su computer i brani dei vostri vecchi cd, è importante ordinarli in modo corretto per poterli trovare subito quando volete ascoltarli.

Le principali archiviazioni, naturalmente, sono quelle per nome dell’artista e per genere musicale, rock, pop, classica, jazz, world, disco, ecc. Come abbiamo detto sopra, però, potete creare le vostre playlist originali, anche combinando musica diversissima.

I servizi di streaming vi aiutano in questo senso, con sistemi già impostati per la creazione di playlist. Inoltre, offrono playlist automatiche che selezionano la musica per voi, tramite un algoritmo, in base ai vostri ascolti. Un servizio molto utile che consente di scoprire musica che non si conosceva, simile ai propri gusti.

Potete scatenare la vostra fantasia e realizzare le playlist più varie, per ogni occasione. Ecco alcuni suggerimenti.

Playlist per il risveglio. Scegliete musica soft per evitare un risveglio automatico, cominciando con brani strumentali rilassanti o che riproducono i suoni della natura. Anche della musica acustica è perfetta. Poi, mano a mano che siete più svegli, aumentate il ritmo per darvi la carica per la giornata, scegliendo il vostro brano rock o dance preferito o il grande successo che trascina tutti.

Playlist per la pausa relax. Le lunghe ore di lavoro e studio fanno si fanno sentire, soprattutto se sono davanti al computer di casa e siete soli. A un certo punto avrete bisogno di staccare e riposare gli occhi. Sdraiatevi su un divano o una poltrona comodi, chiudete gli occhi e con gli auricolari collegati al lettore mp3 o al vostro smartphone ascoltate la vostra musica preferita. Cominciate con qualche brano soft per allentare la tensione e poi salite con il ritmo per ricaricarvi. Smooth jazz, musica d’autore e classica possono essere un buon punto di partenza.

Playlist per studio e lavoro. C’è chi ama ascoltare la musica di sottofondo mentre lavora o studia. Per aiutare la concentrazione scegliete musica strumentale, classica o colonne sonore. Meglio evitare le canzoni se si svolge un lavoro intellettuale.

Playlist per l’attività fisica. Nella scelta dei brani da ascoltare mentre fate sport o andate a correre, energia e adrenalina devono essere il tema dominante. Scegliete i brani che vi danno la carica e che sostengano il ritmo degli esercizi. Concludete con la musica chill out per lo stretching di rilassamento finale.

Playlist per i pasti. A pranzo o cena, a seconda che siate in compagnia o da soli, scegliete della musica che si possa ascoltare un sottofondo. Un accompagnamento mentre cucinate e apparecchiate la tavola, brani pop, melodici o d’autore che creano atmosfera senza scossoni.

Playlist per le feste. Anche se dobbiamo ancora aspettare per le feste con gli amici, a meno che non siano online, potete improvvisarvi dj nella scelta della musica per animare una serata. Calibrate le scelte in base ai vostri gusti, ma anche di quelli dei vostri amici. Partite con una musica allegra e coinvolgente per scaldare l’atmosfera per poi salire progressivamente di ritmo e intensità. Canzoni ballabili e tormentoni saranno il piatto forte.

Playlist per addormentarsi. Per conciliare il sonno sono indicati brani melodici, canzoni intime e sussurrate, musica classica, soul e di ambiente. Sfumate progressivamente i suoni.

LEGGI ANCHE: CREARE UN ANGOLO RELAX IN CASA: COME UTILIZZARLO AL MEGLIO

[caption id="attachment_5396" align="alignnone" width="740"]scegliere playlist perfetta Scegliere la playlist perfetta (Foto di Filip Havlik su Unsplash)[/caption]