L’anello di fidanzamento è il dono che tutte le donne innamorate aspettano dall’amato come pegno d’amore. Ha una storia antica e non è vero che la pietra deve essere per forza il diamante.

L’anello viene scelto e regalato dal fidanzato alla propria fidanzata al momento della proposta di matrimonio. Se la fidanzata dice di si, l’uomo glielo può infilare nell’anulare sinistro come simbolo di legame eterno.

La scelta del dito sembra derivare da una credenza antica secondo la quale l’anulare ha una connessione diretta con il cuore:  su questo dito passa una vena collegata direttamente al cuore, conosciuta come “vena amoris“.

Storia dell’anello di fidanzamento

[caption id="attachment_2481" align="alignnone" width="740"]anello di fidanzamento diamante Anello di fidanzamento con diamante[/caption]

Riguardo la storia di questo anello esistono diverse teorie.

C’è chi sostiene che l’usanza di usare un anello sia nata in Egitto: erano gli egiziani che credevano di aver individuato la vena lunga la quale corrono i sentimenti nell’anulare sinistro. Per loro quindi “legare” l’anulare con un anello significava garantire fedeltà eterna.

Passando all’antica Roma, secondo quanto raccontato da Plinio, i primi anelli di fidanzamento erano in ferro.

Nel medioevo l’anello diventa promessa impegnativa, da non poter rompere.

E, sempre secondo la storia, il primo anello di fidanzamento con diamante è stato donato dall’arciduca d’Austria Massimiliano I a Maria di Borgogna, nel 1477.

LEGGI ANCHE: REGALARE FIORI A UN UOMO: ECCO QUELLI GIUSTI

I metalli e le pietre usate per il “pegno d’amore”

[caption id="attachment_2482" align="alignnone" width="740"]Anello di fidanzamento rubino Anello di fidanzamento con rubino[/caption]

Secondo la tradizione l’anello di fidanzamento è di oro bianco e diamante. In realtà la scelta della pietra è stata condizionata da una campagna pubblicitaria degli anni ’40 della De Beers, grande società di estrazione ed esportazione di diamanti, famosa per lo slogan “un diamante è perfetto“.

L’anello infatti può essere in oro, bianco o giallo, platino o titanio, e avere pietre preziose diverse.

Le tipologie di anello di fidanzamento più diffuse sono:

  • il solitario
  • la veretta o riviera
  • il trilogy (simbolo di ieri, oggi e domani).

Parlando di pietre preziose, è bene ricordare che ognuna ha caratteristiche specifiche ed anche un significato sul tipo di amore che si vuole celebrare. Ad esempio:

  • il diamante è simbolo dell’amore duraturo
  • l’acquamarina è simbolo di stabilità e serenità
  • il rubino è simbolo di amore passionale
  • lo smeraldo è simbolo di speranza
  • lo zaffiro è simbolo di fedeltà
  • la perla è simbolo di fertilità.

Naturalmente la scelta del metallo e della pietra dovrà seguire i gusti della donna: starà all’uomo capire se la sua futura moglie preferisce un anello in oro ad esempio e qual è la pietra perfetta per lei, anche sulla base del significato intrinseco.

[caption id="attachment_2483" align="alignnone" width="1280"]Anello di fidanzamento messo al dito anulare Anello di fidanzamento messo al dito anulare[/caption]