saturimetro
scopriamo a cosa serve il saturimetro

Il saturimetro è l’apparecchio di piccole dimensioni con cui si può misurare la saturimetria. Scopriamo insieme come e perché.

Il saturimetro è un apparecchio di piccole dimensioni con cui misuriamo la quantità di ossigeno legata all’emoglobina nel sangue e quindi l’ossigenazione del sangue, in rapporto alla quantità totale di emoglobina circolante.

E’ facile da utilizzare perché bisogna applicarlo all’estremità del dito e al lobo dell’orecchio.

Come se fosse una molletta va applicato.

Sul display apparirà un numero che corrisponde alla saturimetria, in condizioni normali i valori sia attestano intorno al 98-100 per centro. 

Il test con il saturimetro è rapido e indolore.

Ossigenazione e saturimetro

saturimetro

L’aria che respiriamo chiaramente è piena di ossigeno ed entra tramite bocca e naso, fino a raggiungere la faringe, la laringe e la trachea e polmoni.

Ovviamente negli alveoli vi è uno scambio gassoso grazie a cui l’ossigeno contenuto nell’aria inspirata entra nel circolo sanguigno.

Mentre l’anidride carbonica entra nel circolo dell’espirazione e ripercorre in senso invero le vie respiratorie fino ad essere espulsa dal corpo.


LEGGI ANCHE: Il saturimetro: cos’è, come funziona e come sceglierlo


A questo punto l’ossigeno viene trasportato dal sangue verso organi e tessuti del corpo, tipo emoglobina che è una proteina che ha un struttura chimica adatta a creare il legame con l’ossigeno in modo che le cellule dell’organismo al loro interno contribuiscono a effettuare la respirazione cellulare, che è alla basa della produzione di energia.

Inoltre, l’ossigenazione del sangue è uno dei parametri di riferimento per monitorare l’andamento di Covid-19.

Al Covid-19 come sappiamo, si associano le difficoltà respiratorie che si trasformano in casi più serie in polmonite interstiziale.

L’infezione colpisce gli alveoli polmonari e sono il luogo in cui avvengono gli scambi gassosi tra aria e sangue.

In breve, il calo di percentuale dell’ossigeno legato all’emoglobina, quindi la saturazione, diminuisce quando vi è presente l’infezione da Covi-19 che attacca gli alveoli polmonari.

Il livello di saturimetria inferiore al 94% rappresenta un segno clinico importante per cui il pazienza deve consultare il proprio medico di medicina generale.

Ovviamente bisogna fare il tampone in modo da accertare che se l’esito è positivo si tratti di infezione da SARS-CoV-2.

saturimetro